In che modo la terapia del gioco riduce l'ansia nei bambini? di Joseph Sacks, LCS — ChildTherapyToys
In che modo la terapia del gioco riduce l'ansia nei bambini? di Joseph Sacks, LCSW

In che modo la terapia del gioco riduce l'ansia nei bambini? di Joseph Sacks, LCSW

Tuo figlio soffre di ansia?

È visibilmente teso o nervoso in diversi momenti della giornata?

Fa pressione su se stesso per ottenere tutto perfetto ed è angosciato quando commette errori o le cose non vanno per il verso giusto?

I tuoi sforzi per farla rilassare non fanno che peggiorare le cose, facendoti sentire impotente ad aiutarla?

Ti chiedi della Play Therapy e dell'ansia per tuo figlio?

shutterstock_73287025.jpg

L'ansia è uno dei disturbi più comuni nei bambini, che colpisce oltre il 10% dei minori di 18 anni. Sfortunatamente, può privare un bambino della felicità di cui ha tanto bisogno.

La buona notizia è che la terapia del gioco incentrata sul bambino, insieme alla consulenza genitoriale, può fare miracoli per ridurre e persino risolvere l'ansia infantile!

L'ho visto portare miglioramenti con molti bambini!

Come funziona?

Spesso l'ansia nei bambini è generata quando un bambino, a causa di alcuni fattori di stress nella sua vita, sviluppa sentimenti di vergogna e si trova in uno stato di bassa autostima. Questi sentimenti di bassa autostima portano all'ansia in diversi modi. Può portare alcuni bambini verso il perfezionismo, in cui il bambino si sente male con se stesso e cerca di riscattarsi da quei sentimenti creando pressioni autoimposte per essere molto bravo, per avere prestazioni sorprendenti o risultati quasi perfetti.

Il meccanismo psicologico sottostante è che il bambino ragiona,

shutterstock_628022438.jpg

“Sentirsi così male con me stesso è intollerabile e mi sento impotente a rimediare. Cosa posso fare attivamente per risolverlo? Lo so, sarò un bravo ragazzo, lavorerò molto duramente per realizzare cose incredibili, e poi sarò così realizzato che sarò così orgoglioso che automaticamente e necessariamente mi sentirò bene con me stesso! Di sicuro non mi sentirò più male o vergognoso”. In questa linea troviamo la genesi del perfezionismo. Il problema è che una tale strategia non potrà mai funzionare, perché i risultati esterni oggettivi, non importa quanto grandiosi, non possono disinnescare la causa e alimentare la sua bassa autostima. Così spesso, anche dopo aver realizzato molto, il bambino si sente ancora male, e poi decide di sforzarsi ancora di più verso la perfezione. Questo può creare grande ansia perché, dopo tutto, una prestazione costante e perfetta è impossibile, e il bambino inevitabilmente non raggiungerà quasi sempre gli obiettivi desiderati, creando grande paura del fallimento.

Per saperne di più sul trattamento del perfezionismo negli adolescenti o nei bambini più grandi, clicca qui.

Inoltre la sua idealizzazione della performance perfetta lo porta a giudicare se stesso molto duramente quando è imperfetto,

generando molta vergogna e ansia per essere bloccati in uno stato di bassa autostima.

shutterstock_92627368.jpg

Inoltre, tali bambini potrebbero essere stati purtroppo criticati da persone nella loro vita e sentono di dover ottenere tutto perfetto e realizzare cose straordinarie per mettersi al di là della portata di qualsiasi potenziale critica. Questa pressione genera ansia.

Per saperne di più sulle insidie ​​del criticare i bambini, clicca qui.

Un'altra causa comune di ansia è la paura dei rimproveri e la disapprovazione degli adulti nella vita di un bambino.

I bambini si sentono molto piccoli e impotenti rispetto agli adulti e rabbrividiscono e appassiscono per paura di rimproveri, rimproveri, disapprovazione e critiche. Alcuni bambini sono costantemente preoccupati di non meritare abbastanza approvazione e di evitare il rimprovero, e questo genera un'ansia significativa. Sentono la pressione di non stare bene come sono attualmente e devono costantemente misurarsi.

Per saperne di più sulle insidie ​​di rimproveri e rimproveri, clicca qui.

A volte i bambini imparano ad essere ansiosi con l'esempio,

shutterstock_143878201.jpg

le persone importanti nella loro vita mostrano ansia sotto stress e imparano a fare lo stesso, pensando: "Diventano ansiosi quando accadono cose del genere, immagino che dovrei essere anch'io ansioso!"

I bambini ansiosi spesso si impegnano in qualcosa chiamato catastrofismo, in cui le loro paure vanno fuori controllo: “Oh no, questo accadrà e poi porterà a quello, e poi quello e tutto andrà in pezzi e sarà terribile! "

Tuttavia nella stanza dei giochi tutto questo incluso il perfezionismo, la bassa autostima, la vergogna, la paura dei rimproveri e della disapprovazione, un esempio ansioso e catastrofismo tutto viene capovolto!

Come funziona la Play Therapy per l'ansia?

Nella stanza dei giochi non dico al bambino cosa deve fare, lui o lei prende completamente tutte le sue decisioni e lo seguo, mostrando grande rispetto e convalida per tutti i suoi sentimenti, desideri, decisioni e bisogni espressi. Questo dà al bambino un esaltante senso di controllo sulla propria vita e sul proprio destino, portandolo a pensare: “Non devo essere ansioso che le cose non vadano bene. Ho il potere di far andare le cose come voglio e di cui ho bisogno, di far andare bene le cose!” In questo modo, la sua ansia si riduce immediatamente.

Inoltre, dimostro per il bambino nella stanza dei giochi un atteggiamento di completa accettazione, convalida e non valutazione.

In altre parole, qualunque cosa faccia il bambino, io non lo giudico né lo valuto, rifletto semplicemente una pura accettazione di come sceglie di creare la propria esperienza. Questo porta il bambino a pensare: "Le cose che faccio vanno bene, sto bene così come sono".

Tutto questo si realizza attraverso la curiosa tecnica di Play Therapy per l'ansia chiamata monitoraggio,

shutterstock_75667366.jpg

dove, simile a un giornalista sportivo che descrive un gioco, rifletto verbalmente al bambino ogni sentimento o desiderio espresso, decisione presa o risultato ottenuto. Ad esempio, quando un bambino prende in mano un giocattolo per esaminarlo, stabilire una proprietà temporanea su di esso e considerare come ci giocherà, questo è un affare importante per lui nel suo mondo! Quindi rifletto indietro ed entusiasta, “Oh, ora ce l'hai quello!" Questa affermazione diretta ed emotivamente carica mostra al bambino che sto celebrando con lui il suo grande traguardo di realizzare e onorare il proprio desiderio, di controllare il proprio destino, di mettere in atto il proprio piano per potenziare se stesso! Questo monitoraggio viene eseguito costantemente per ogni azione e il carattere dell'espressione verbale che faccio è personalizzato su misura per adattarsi perfettamente a ogni mossa e decisione che prende. Nel corso del tempo fa miracoli per costruire l'autostima, perché il monitoraggio gli offre un'opportunità senza critiche e valutazioni per vedere se stesso in una luce positiva. Acquisendo una semplice consapevolezza dell'unicità e del valore speciale di ogni singolo aspetto del proprio sé mentre si sviluppa nella stanza dei giochi, il risultato naturale è la conclusione che “sto andando alla grande così come sono. Faccio cose buone, non ho bisogno di preoccuparmi, andrà tutto bene!

Per saperne di più su come funziona la Play Therapy in generale, clicca qui.

Una volta una bambina di 7 anni era nella stanza dei giochi e un giocattolo si è rotto.

Non ho cercato di aiutarla o controllarla, l'ho lasciata decidere cosa voleva fare, ovvero provare a risolverlo. Le ho quindi riflettuto una descrizione di ogni fase dei suoi sforzi per risolverlo senza giudicare o valutare. Alla fine riuscì a risolverlo e si esclamò con orgoglio: "So come aggiustare le cose!" Quella è stata la creazione della vera autostima proprio lì! La vera autostima è la stima che deve provenire da sé, non dall'altro. Se lodo e valuto un bambino, guadagnerà una malsana stima altrui. L'obiettivo del monitoraggio è convincere il bambino a valutare se stesso, il che crea una vera autostima.

Per un'affascinante discussione su come la celebrazione sia migliore della lode, clicca qui.

shutterstock_586410551.jpg

Il monitoraggio riduce il perfezionismo,

poiché la mia costante riflessione e accettazione mostra al bambino che una prestazione mediocre, meno che perfetta, è altrettanto buona di una prestazione migliore. Impara la bellezza del banale, la liberazione e la gioia di essere solo nella media. Impara che non è un risultato oggettivo e misurabile che ha un valore reale, ma piuttosto è onorare i propri desideri, apprezzare l'unicità della propria esperienza, compresi i suoi sentimenti momento per momento e le semplici attività quotidiane del sé, che ha un vero valore. Insieme alla mia celebrazione interpersonale di ogni decisione, sentimento e semplice realizzazione, questo allevia notevolmente ogni vergogna che potrebbe aver provato e aumenta la sua autostima e autostima, portandolo a non sentire più la pressione per raggiungere la perfezione e l'incredibile realizzazioni.

Per una discussione sui benefici della Play Therapy per la salute emotiva di un bambino, clicca qui.

Rimproveri, critiche, rimproveri e disapprovazione, salvo in caso di pericolo, sono praticamente inesistenti nella Sala Giochi.

Questo porta il bambino nel abitudine di essere così completamente rispettato, onorato, accettato e approvato, che fa molto per controbilanciare gli effetti negativi di eventuali rimproveri che potrebbe aver ricevuto in passato. Ciò riduce notevolmente la sua paura e ansia riguardo ai rimproveri. Inoltre, sorprendentemente, il bambino si abitua così tanto a essere trattato bene che comincia a pretendere che anche gli altri lo trattino allo stesso modo al di fuori della seduta. Una volta ho avuto un bambino di 8 anni che ha detto a suo padre: "Non parlarmi in quel modo, devi giocare con me come Joseph!" Il padre a suo merito ha colto il suggerimento e ha apportato modifiche a vantaggio di suo figlio.

Il 99 percento delle volte, qualunque cosa faccia il bambino nella stanza dei giochi, se non riesce in qualcosa, rompe accidentalmente un giocattolo, lancia qualcosa o rovescia la vernice sul muro, la mia reazione è molto rilassata e priva di ansia. Quindi lui o lei impara il grande esempio, che nella vita possono accadere molte cose diverse, ma non c'è bisogno di essere ansiosi, quasi tutto va davvero bene! Una volta una bambina di 4 anni era in macchina sulla strada per la nostra sessione, e si è comportata un po' male, e sua madre ha detto: "Ehi, è meglio che ti comporti bene o lo dirò a Joseph!" Lei ha risposto: "Oh, Joseph, non preoccuparti per lui, non si arrabbierà, gli piaccio!" Aveva davvero sviluppato la fiducia che da me non avrebbe avuto problemi, solo cose buone.

Ciò riduce anche la catastrofizzazione, poiché il bambino impara dalla stanza dei giochi che le cose generalmente hanno una fine positiva.

Ci sono così tanti fantastici benefici della terapia del gioco incentrata sul bambino!

shutterstock_257505277.jpg

La Play Therapy non solo riduce l'ansia, ma lo è totalmente risolve i problemi comportamentali come i capricci, rabbia e sfida, riduce i sintomi dell'ADHD e persino la depressione, e genera un meraviglioso rapporto genitore-figlio! Inoltre è anche il mio cuore gentile e tutti gli sconfinati atti di gentilezza che concedo a un bambino nella stanza dei giochi che promuovono la guarigione. È la mia più grande gioia aiutare un bambino!

Inoltre, lavoro con gli insegnanti per aiutare a ridurre la pressione accademica derivante dai compiti e dalla scuola. Ero un insegnante e so come parlare con loro. Ho chiesto agli insegnanti di ridurre il carico di lavoro a volte quando necessario, il che riduce la pressione e l'ansia.

Il potere della genitorialità!

C'è molto che i genitori possono fare a casa per ridurre l'ansia nel loro bambino. La cosa più importante da ricordare è cercare di non essere ansioso, o più specificamente di non farlo esprimere ansia di fronte al bambino. Ciò impedisce al bambino di apprendere una reazione ansiosa con l'esempio. Devi coltivare il valore che “Va tutto bene così com'è. Non abbiamo problemi! Tutto di te, bambina mia, e quasi tutto quello che fai va bene! Possono sorgere problemi, ma li affrontiamo con calma! Reagiamo a loro con un'accettazione fredda e calma.

Inoltre, conviene evitare critiche, rimproveri, rimproveri e disapprovazione come la peste! Di solito qualunque beneficio speri di ottenere attraverso queste cose è controbilanciato dal danno arrecato alla salute emotiva del bambino. È più saggio tollerare malizia ed errori con un sorriso!

shutterstock_63241066.jpg

Durante il Parenting Counseling, imparo gradualmente a conoscere i genitori e il loro bambino, e come funziona l'intera famiglia, e invece di dare tanti consigli diretti, aiuto i genitori a sviluppare la loro saggezza innata che sono convinto possieda ogni genitore. In questo modo li aiuto a sviluppare il proprio piano su misura per risolvere il problema del loro bambino. È più probabile che apprezzino e implementino un piano che hanno sviluppato da soli.

Per scoprire come la genitorialità può aiutare a ridurre i sintomi dell'ADHD, clicca qui.

La terapia del gioco per l'ansia, insieme alla consulenza genitoriale, sono gli straordinari doppi strumenti che possono risolvere l'ansia di quasi tutti i bambini e anche la maggior parte degli altri problemi!

Per saperne di più sulla terapia del gioco incentrata sul bambino, clicca qui.

Tieni presente che quanto sopra rappresenta un ideale genitoriale e non mi aspetto che i genitori siano perfetti. Quindi abbi pazienza con te stesso e cerca di adottare gradualmente nuove idee.

***

Joseph Sacks è uno psicoterapeuta infantile a Lower Manhattan. È specializzato nell'uso della terapia del gioco incentrata sul bambino per risolvere problemi comportamentali come scoppi d'ira, sfida, rabbia e ADHD. È incredibile come la Play Therapy funzioni bene per risolvere questi problemi!

Inoltre, Joseph aiuta i genitori a sviluppare il proprio approccio genitoriale unico per risolvere i problemi dei propri figli. La relazione genitore-figlio è l'elemento più importante nella vita di ogni bambino e, semplicemente mettendo a punto tale relazione, possiamo avere un effetto tremendamente benefico. Joseph ha scritto oltre 120 articoli affascinanti e ben studiati su genitorialità e Play Therapy, che possono essere trovati su Tribecaplaytherapy.com.

Articolo precedente Sicurezza online per adolescenti
Prossimo articolo Attività di conclusione della terapia del gioco: la catena delle intenzioni di Jennifer Taylor