Diritti, responsabilità, privilegi, premi: strategie di coaching di — ChildTherapyToys
Diritti, responsabilità, privilegi, premi: strategie di coaching di Donna Hammontree, LCSW, RPT-S

Diritti, responsabilità, privilegi, premi: strategie di coaching di Donna Hammontree, LCSW, RPT-S

Aiutare i bambini a imparare a gestire e regolare il proprio comportamento può essere una sfida. La mia collega Mandy Miller, LCSW, ha condiviso le sue intuizioni con me e io uso regolarmente il suo sistema quando alleno genitori, adolescenti e bambini. Per iniziare, tutti dovrebbero avere chiaro cosa sia un diritto, una responsabilità, un privilegio e una ricompensa.

Definizioni di base 
Diritti:  cibo, riparo, vestiti, amore
Responsabilità:  rispetto, completamento della scuola e dei compiti, fare le faccende domestiche, seguire le indicazioni degli adulti
Privilegi:  videogiochi, accesso al cellulare, televisione, artigianato, tempo con gli amici, vestiti di marca
Premi:  gelaterie, una gita al negozio di giocattoli, invitare un amico, una gita al parco, scegliere e giocare a un gioco di famiglia

Dopo aver chiarito le nostre definizioni, il passo successivo è passare da un approccio negativo a un approccio positivo. Vogliamo che gli operatori sanitari e i genitori comprendano i vantaggi di concentrarsi sui privilegi guadagnati, piuttosto che perderli. Da adulto, se guido la mia auto in modo responsabile, guadagno e mantengo il mio privilegio di guidare. Se scelgo di accelerare o passare con il semaforo rosso, potrei dover prendere i mezzi di trasporto urbani o andare in bicicletta.

Linee guida di base
Consistenza:  Se in casa sono coinvolti 2 o più adulti, tutti devono comunicare e lavorare insieme.
Perdita di privilegi a breve termine:  I privilegi possono essere riguadagnati cambiando rapidamente il comportamento o rimanendo calmi mentre si è impegnati in o con qualcos'altro. La perdita di privilegi a lungo termine può portare alla disperazione e a un aumento della sfida e dei comportamenti di opposizione. 
Non punitivo:  Il bambino sceglie di guadagnare un privilegio oppure no.  
Caregivers calmi, premurosi e fermi:  Gli adulti hanno bisogno di rimanere emotivamente districati da eventuali capricci. Ciò significa che l'adulto deve rimanere calmo, positivo e piacevole senza farsi carico delle emozioni del bambino. I genitori dovrebbero essere istruiti sull'ascolto attivo: "Ho sentito che sei arrabbiato e mi dispiace che tu abbia perso il tuo privilegio... Ti senti davvero arrabbiato con me in questo momento e sei arrabbiato per aver perso il tuo privilegio". I genitori dovrebbero rimanere empatici e amorevoli.

Ulteriori suggerimenti
Gli assistenti ei genitori possono utilizzare questo programma esclusivamente all'interno della casa o il programma può includere attività al di fuori della casa. I bambini che lottano fuori casa possono trarre vantaggio dal fatto che alcuni dei loro privilegi a casa siano subordinati al successo a scuola o al campo. Ad esempio, se il bambino ha una giornata verde, il bambino riceve 1 ora di videogiochi. Se il bambino ha una giornata “gialla”, il bambino deve attendere 15 minuti per iniziare a giocare ai videogiochi per 45 minuti. Infine, se il bambino ha una giornata rossa, non ha tempo per i videogiochi. Il bambino può fare qualsiasi altra cosa come giocare fuori, leggere libri o giocare a giochi da tavolo con il genitore. I tempi dovrebbero corrispondere all'età cronologica o evolutiva del bambino. Se la giornata della scuola o del campo è inclusa, insegnanti e genitori dovranno lavorare a stretto contatto ogni giorno. Diversi giorni di successo possono essere seguiti da ulteriori privilegi o attività di ricompensa.

Alcuni bambini, specialmente quelli più piccoli, potrebbero aver bisogno di dividere la giornata in parti più brevi, come dalle 8:00 alle 10:00, dalle 10:00 a mezzogiorno, da mezzogiorno alle 14:00 e così via. I bambini con problemi di autoregolazione e controllo degli impulsi possono beneficiare di periodi di feedback ancora più brevi.

Articolo precedente Identificare ed esprimere sentimenti
Prossimo articolo Riepilogo della Play Therapy di giugno